World Press Photo 2017 alla Galleria Carla Sozzani di Milano / World Press Photo 2017 at Galleria Carla Sozzani in Milan

25 Apr 2017

 

An Assassination in Turkey, December 19, 2016 by Burhan Ozbilici | World Press Photo of the Year

 

 

 

Scrittura di luce. È questo il significato letterale della parola fotografia, dal greco phôs (luce) e graphè (grafia). Mettere in chiaro un momento, sottolineare un dettaglio, esaltare l’importanza di un qualcosa. L’archetipo testuale di quest’arte esprime con mirabile accuratezza ciò a cui serve tale strumento del racconto nel privato, nel pubblico e quindi nel settore dell’informazione.  Ed ecco perché mai come oggi il foto giornalismo veste, a ragione, sempre più il ruolo di mezzo attendibile e immediato di fare stampa, e il concorso World Press Photo lo dimostra dal 1955 attraverso immagini che rivestono un importante valore e messaggio culturale. Questo evento è in mostra in Italia da ventitré anni alla Galleria Carla Sozzani di Milano, presso 10 Corso Como. E anche l’edizione 2017 sarà presentata in questa sede a partire dal 6 maggio, giorno dell’inaugurazione, fino all’11 giugno 2017.

 

Writing of light. This is the literal meaning of the word photography, from Greek phôs (light) and graph (handwriting). To make clear a moment, to emphasize a detail, to enhance the importance of something. The articulate archetype of this art expresses with great accuracy what this narrative instrument serves in the private, public and then in the information sector. And that's why today photo journalism dresses, of course, more and more the role of reliable and immediate media, and the World Press Photo contest shows it from 1955 through images that are of great value and cultural message. This event has been exhibited in Italy for twenty-three years at the Galleria Carla Sozzani in Milan, at 10 Corso Como. And the 2017 edition will be presented here starting May 6, the day of the inauguration, until June 11, 2017.

 

 

Copacabana Palace, October 21, 2015 by Peter Bauza | Contemporary Issues - third prize stories

 

 

Il vincitore di questa edizione è il fotografo turco Burhan Ozbilici con l’opera che ha fatto scalpore tanto per la sua terribile purezza quanto per la casualità spazio temporale in cui è stata scattata, An Assassination in Turkey. Ozblici ha ritratto tempestivamente l’uccisione per mano di Mevlut Mert Altintas, ex poliziotto ed estremista islamico, dell’ambasciatore russo Andrey Karlov, presso una galleria d’arte ad Ankara, in Turchia, il 19 dicembre del 2016. 

Tra le altre foto premiate nelle categorie Contemporary Issues, Nature, Sports, Daily Life, General News, Long-term Projects, People e Spot News, per immagini singole o storie, ci sono ben quattro opere di artisti italiani: Isle of Salvation di Francesco Comello, terzo posto nella sezione Daily Life - storie, Enfarinat di Antonio Gibotta dell’agenzia Controluce, terzo classificato nella categoria People - storie e We are not Taking any Prisoners di Alessio Romenzi anch’egli terzo nella categoria General News - storie. Sensibilità e forza espressiva sono invece i segni emotivi che emergono dal lavoro di Giovanni Capriotti Boys Will Be Boys, vincitore del primo premio nella categoria Sports - storie. L’immagine ritrae Danny Perez (in piedi) giocatore del Muddy York Rugby Football Club e il suo compagno Jonathan Buckley mentre si abbracciano sul balcone del loro appartamento a Toronto in Canada. 

 

The winner of this edition is the Turkish photographer Burhan Ozbilici with the work that caused particular sensation as for its tremendous purity as for the casualty of the time space dimension it was shooted, An Assassination in Turkey. Ozblici promptly portrayed Mevlut Mert Altintas, former policeman and Islamic extremist, killing Russian ambassador Andrey Karlov, at an art gallery in Ankara, Turkey, on December 19, 2016.

Among other award-winning photographs in Contemporary Issues, Nature, Sports, Daily Life, General News, Long Term Projects, People and Spot News, for single images or stories, there are four works of Italian artists: Isle of Salvation by Francesco Comello, 3rd place in the Daily Life story, Enfarinat by Antonio Gibotta of the Controluce Agency, third ranked in the category People - stories and We are not Taking any Prisoners by Alessio Romenzi who is also third in the category General News - stories. Sensitivity and expressive power are the emotional signs that emerge from the work of Giovanni Capriotti Boys Will Be Boys, winner of the first prize in the Sports - stories category. The picture portrays Danny Perez (standing) player of the Muddy York Rugby Football Club and his partner Jonathan Buckley while hugging on their apartment's balcony in Toronto, Canada.

 

 

Boys Will Be Boys, July 4, 2016 by Giulio Caprotti | Sports - first prize stories

 

 

 

Considerando che la fotografia è nata ufficialmente il 7 gennaio del 1839 presso l’Accademia di Francia, anche se il primo vero scatto lo fece il francese Joseph Nicéphore Niépce nel 1826 con la fotografia Point de vue du Gras, e tenendo conto che da quell’epoca, con l’avanzare della tecnologia, di immagini ne sono state create un numero infinito, il ruolo di questi concorsi assume sempre più importanza al fine di dare risalto a ciò che il quotidiano è davvero, nel bene e nel male, nei gesti positivi o negativi. Oltre i selfie, oltre le mode. 

 

Considering that photography was officially born on January 7, 1839 at the Academy of France, although the first true shot was made by French Joseph Nicéphore Niépce in 1826 with the photograph Point de vue du Gras, and taking into account that from that, with the advancement of technology, images have been created an infinite number, the role of these competitions becomes increasingly important in order to highlight what the daily is really, good and bad, in positive or negative gestures. Beyond the selfies, beyond trends.

 

 

 Praying for a Miracle, April 2, 2016 by Robin Hammond | People - second prize winner

 

 

 

galleriacarlasozzani.org

worldpressphoto.org

 

World Press Photo 2017 inaugura sabato 6 maggio 2017 dalle ore 15.00 alle ore 20.00. In mostra dal 7 maggio all’11 giugno 2017 tutti i giorni, ore 10.30 – 19.30 mercoledì e giovedì, ore 10.30 – 21.00, presso la Galleria Carla Sozzani, corso Como 10, Milano. 

 

Share on Facebook
Share on Twitter
Share on Google +
Please reload

  • Black Icon Instagram
  • Nero Facebook Icon

Web / Graphic design by Annamaria Maisto

Copyright © Nouvelle Factory