Artisticalmente, memoria e contemporaneità: il gioiello d’autore secondo Emanuele Leonardi / Artisticalmente, memory and contemporaneity: the designer jewel according to Emanuele Leonardi

18 Jun 2018

Emanuele Leonardi

 

 

 

Da Roma a Milano, via skype. Dal quotidiano alla sua stessa interpretazione, in un gioiello. Sono i confini spazio-temporali permeanti l’incontro con Artisticalmente, il concetto di oreficeria condotto dal suo fondatore, Emanuele Leonardi, artista orafo. Uomo di sperimentazione, capace di giocare con le fonti materiali per creare figure di sostanza, traducibili in anelli, orecchini, spille e collane. Vincitore di concorsi come quello indetto ogni anno da Artistar Jewels, il designer romano, già scultore e pittore, scompone il contemporaneo e lo ricompone in opera dalla raffinata cultura estetica. Lo spiega in questa conversazione, avvenuta qualche settimana fa.

 

From Rome to Milan, via Skype. From the daily life to its own interpretation, in a jewel. These are the space-time boundaries permeating the encounter with Artisticalmente, the jewelery concept made by its founder, Emanuele Leonardi, a goldsmith artist. Man of experimentation, able to play with the material sources to create figures of substance, translatable into rings, earrings, brooches and necklaces. Winner of competitions like the one announced every year by Artistar Jewels, the Roman designer, already sculptor and painter, decomposes the contemporary and recomposes it in work from the refined aesthetic culture. He explains it in this conversation, which took place a few weeks ago.

 

 

Emanuele, quando hai deciso di usare le tue capacità di scultore per creare dei gioielli?

 

- Da una decina di anni ho intrapreso un percorso, anche didattico, che mi ha introdotto al mondo del gioiello. Ho frequentato un corso dove ho imparato l’arte dell’arredo e la suppellettile liturgica, a Roma. Nel frattempo continuavo a dipingere e, appunto, a scolpire. Fino al giorno in cui gli studi che ti ho appena citato non si sono reintrodotti nella mia mente, facendomi riflettere sulla possibilità di espandere la mia creatività in altre forme, rendendo concreta la teoria appresa qualche anno prima. Ha così preso robustezza l’idea di sfruttare le capacità scultoree rispetto alla creazione di monili dal forte valore simbolico, benché distante da quello liturgico, possedente un valore completamente diverso. Attraverso i miei pezzi cerco di rappresentare temi contemporanei, come il rapporto dell’uomo con il mondo, ad esempio. -

 

Emanuele, when did you decide to use your skills as a sculptor to create jewels?

 

- For about ten years I have embarked on a path, also didactic, that introduced me to the world of jewelry. I attended a course where I learned the art of liturgical furnishing in Rome. In the meantime I continued to paint and, indeed, to sculpt. Until the day when the studies I just mentioned have not been reintroduced into my mind, making me reflect on the possibility of expanding my creativity in other forms, making the theory learned a few years earlier. The idea of ​​exploiting the sculptural skills with respect to the creation of jewelry with a strong symbolic value, albeit far from the liturgical one, possessing a completely different value, took on strength. Through my pieces I try to represent contemporary themes, such as the relationship between man and the world, for example. -

 

 

Destini, bracciale e ciondolo di Emanuele Leonardi

 

 

 

Quindi è questo che intendevi quando, in altre occasioni, hai detto che la tua intenzione è quella di “riportare la scultura nell’oreficeria contemporanea”?

 

- Esattamente. In realtà è un’unione piuttosto comune, in utilizzo da parecchi decenni, se non secoli, sempre in ambito religioso o storico, però. La novità del mio approccio è quella di trasmettere con le opere che realizzo a mano le sensazioni su certe questioni che reputo siano importanti per me e per il nostro presente. -

 

So this is what you mean when, on other occasions, you said that your intention is to "bring back the sculpture in contemporary jewelry"?

 

- Exactly. In reality it is a rather common union, in use for several decades, if not centuries, always in religious or historical, however. The novelty of my approach is to convey with the works that I realize by hand the feelings on certain issues that I think are important for me and for our present. -

 

 

In quale misura pensi che il gioiello possa arredare il corpo di una donna? Lo chiedo perché la tua è un’arte, come hai spesso detto, da “portare e mostrare”.

 

- Noto come le persone che osservano i pezzi realizzati da me si soffermano sull’aspetto architettonico, strutturale. Mentre io, forse perché li creo, li ho in mente anche da quello dei materiali. componenti delle sculture. Ad esempio uso il legno lamellare, ingrediente che difficilmente viene utilizzato in oreficeria. In questo senso anzi, in entrambi - sia il mio che quello degli osservatori - penso al monile come uno strumento per arredare il corpo di una donna. Ricordo il pezzo vincente ad Artistar Jewels nel 2017, Valutazione del Rischio… è la sintesi di quel “portare e mostrare” che accompagna la mia concezione del gioiello: una collana o una spilla che aggiunge elementi simbolici ed estetici a colei che la indossa. - 

 

To what extent do you think the jewel can furnish a woman's body? I ask because yours is an art, as you have often said, to “wear and show".

 

- I see the people who observe the pieces made by me dwell on the architectural, structural aspect. While I, perhaps because I create them, I have them in mind also from the materials. components of the sculptures. For example, I use lamellar wood, an ingredient that is hardly used in jewelery. In this sense, on the contrary, in both - both mine and that of the observers - I think of the jewel as a tool to furnish the body of a woman. I remember the winning piece to Artistar Jewels in 2017, Valutazione del Rischio... it is the synthesis of that “wear and show" that accompanies my concept of jewelry: a necklace or a brooch that adds symbolic and aesthetic elements to the wearer. -

 

 

Scrutando l'Orizzonte, collana di Emanuele Leonardi

 

 

 

Qual è la difficoltà più grande nel realizzare una delle tue opere?

 

- È proprio legata alla portabilità, non solo sotto l’aspetto fisico ma anche concettuale. I temi che esprimono raccolgono significati importanti, almeno per me, e colei che indossa le mie opere è consapevole che non sta portando su di sé solamente una collana o un anello, ma anche un punto di vista. Nel mio lavoro è molto più difficile, credo, fare indossare delle emozioni che unicamente l’oggetto tout court. Ma è anche l’aspetto più interessante e bello, perché chi colleziona i miei pezzi stabilisce un legame con essi a trecentosessanta gradi. Ad esempio l’anello Legato a te, in cui c’è proprio un uomo che tiene legato a sé, attraverso l’anello stesso, la persona, la quale, una volta indossato, entra a tutti gli effetti a fare parte dell’opera. -

 

What is the biggest difficulty in making one of your works?

 

- It is really linked to portability, not only from a physical but also a conceptual point of view. The themes they express gather important meanings, at least for me, and the one who wears my works is aware that she is not wearing only a necklace or a ring, but also a point of view. In my work it is much more difficult, I think, to wear emotions that only the object tout court. But it is also the most interesting and beautiful aspect, because whoever collects my pieces establishes a link with them at three hundred and sixty degrees. For example, the ring Legato a te, in which there is a man who keeps tied to himself, through the ring itself, the person, who, once worn, enters in all respects to be part of the work . -

Valutazione del Rischio, opera di Emanuele Leonardi

 

 

 

 

Quando dici “entra a fare parte dell’opera”, lo intendi solo dal punto di vista fisico-emotivo?

 

- Non solo. Anche, almeno lo spero, da quello della memoria. Mi piace pensare che le scene rappresentate riconducano il soggetto, che le indossa e comprende, in luoghi mentalmente perduti della sua vita, come fa un profumo, sai. -

 

When you say “it becomes part of the work”, do you mean it only from the physical-emotional point of view?

 

- Not only. Also, at least I hope so, from that of memory. I like to think that the scenes portrayed lead the subject, who wears and understands it, in places mentally lost of her life, as how it does a perfume, you know. -

 

 

O la Madeleine de Proust.

 

- Esattamente. -

 

Or the Madeleine de Proust.

 

- Exactly. -

 

 

 

I Build, anello di Emanuele Leonardi

 

 

 

Quali sono, allora, le tematiche ricorrenti nella costruzione dei gioielli?

 

- Sono quelle del quotidiano, quelle sociali. Come l’opera Life, raffigurante la nascita di un bambino, il quale poggia sopra un altro soggetto, per enfatizzare l’aspetto del contatto fisico. Questa, ad esempio, è stata ispirata da alcune notizie che in quel momento riguardavano l’abbandono di minori. - 

 

So what are the recurrent themes in the construction of jewels?

 

- They are those of the everyday life, the social ones. Like the work Life, depicting the birth of a child, which rests on another subject, to emphasize the appearance of physical contact. This, for example, was inspired by some news that at that time concerned the abandonment of minors. -

 

Qual è il tuo punto di vista sulla gioielleria d’artista contemporanea?

 

- Credo sia in una fase in cui si concentra molto sui materiali. Da questo punto di vista via è molta sperimentazione, e in alcuni casi i risultai, le combinazioni possibili, sono molto interessanti. Tuttavia trovo che stia tralasciando il discorso legato alla forma, alla struttura, la quale mi pare sia più legata al concetto di “astratto”. Con Artisticalmente mi pongo un po’ al limite del settore, tendando una mia strada più indipendente, benché attenta a quello che le si presenta di fronte. Cerco di dare corpo a un pensiero e non mi limito a rappresentarlo così come mi è venuto in mente, gli fornisco un senso. -

 

What is your point of view on the contemporary artistic jewelry?

 

- I think it's in a phase where it focuses a lot on the materials. From this point of view it is a lot of experimentation, and in some cases the results, the possible combinations, are very interesting. However, I find that it is leaving out the discourse linked to the form, to the structure, which seems to me to be more connected to the concept of "abstract". With Artisticalmente I put myself a bit on the edge of the industry, tending my own, more independent, road, although attentive to what is presented to me. I try to give body to a thought and I do not limit myself to represent it as it came to my mind, I give it a meaning. -

 

 

 

Particolare dell'anello Destini, vincitore dell'artistar jewels 2016, di Emanuele Leonardi

 

 

 

 

Stai dicendo che la tua è un’arte del gioiello più concettuale?

 

- Sì, ma non “concettuale” come si usava intendere la parola negli anni Cinquanta, dove il senso dell’opera era in assoluta supremazia rispetto alla parte figurativa. Nel mio caso quest’ultimo aspetto è molto più importante. Il senso lo si può avere anche attraverso l’oggetto stesso e non solo su di esso. - 

 

Are you saying that yours is a more conceptual art of jewelry?

 

- Yes, but not "conceptual" as it was used to hear the word in the fifties, where the sense of the work was in absolute supremacy compared to the figurative part. In my case this last aspect is much more important. The meaning can also be had through the object itself and not only on it. -

 

 

 

Quali sono i progetti per il futuro?

 

- Attualmente e fino al 5 di agosto 2018 sono al Museo del Bijou di Casalmaggiore, con l’opera Dance and Dream (le origini). Si tratta di una mostra organizzata dall’associazione no profit Officine di Talenti Preziosi di Roma, il cui titolo è Passione Tango Bijoux. -

 

What are the plans for the future?

 

- Currently and until the 5th of August 2018 I am at the Museo del Bijou in Casalmaggiore, with the opera Dance and Dream (le origini). This is an exhibition organized by the non-profit association Officine di Talenti Preziosi of Rome, whose title is Passione Tango Bijoux. -

 

 

 

I gioielli di Emanuele Leonardi si trovano da 158 studio, in via San Francesco 21 a Sorrento e da Aquarubra, Lungomare Marconi 44, Scario (SA).

Emanuele Leonardi’s jewels are at 158 studio, in via San Francesco 21 in Sorrento and at Aquarubra, Lungomare Marconi 44, Scario (SA).

 

artisticalmente.com

 

Share on Facebook
Share on Twitter
Share on Google +
Please reload

  • Black Icon Instagram
  • Nero Twitter Icon
  • Nero Facebook Icon

WEB DESIGN by Annamaria Maisto

Copyright © Nouvelle Factory