Tradizione e avanguardia: Cristiana Turano Campello racconta i suoi gioielli / Tradition and avant-garde: Cristiana Turano Campello talks about her jewels

18 Mar 2019

 

Cristiana Turano Campello

 

 

 

 

Conosco Cristiana Turano Campello da tante vite. L’orafa vive in Siclia, a Sciacca, un fazzoletto di Italia, tra terra e mare di inestimabile bellezza. La stessa qualità che cerca nei suoi gioielli, che realizza e vende nella sua bottega in centro città. Ultimamente sul suo profilo di Instagram posta dei pezzi molto interessanti, sempre realizzati a mano, e motivo per cui qualche giorno fa l’ho contatta per questa conversazione.

 

I have known Cristiana Turano Campello for many lives. The goldsmith lives in Sicily, in Sciacca, a handkerchief of Italy, between land and sea of ​​inestimable beauty. The same quality she looks for in her jewels, which she creates and sells in her shop in the city center. Recently on her Instagram profile she publishes some very interesting pieces, always made by hand, and that’s why few days ago I contacted her for this conversation.

 

 

Cristiana, da Sciacca sei venuta a Milano per studiare design e poi sei andata a Roma per iniziare la tua professione di orafa, frequentando l'Accademia. Puoi raccontare cosa ti ha portato a intraprendere questo mestiere?

 

- Sono sempre stata una persona creativa. Da bambina ero affascinata dai gioielli antichi di mia mamma: li guardavo con attenzione e poi li smontavo per crearne altri che potessi indossare io. Poi, finito il liceo scientifico, ho capito che nella mia vita quello che mi rendeva felice era esprimere la mia  creatività; ritornarono così alla mente quei ricordi di me piccola che giocavo a fare l'orafa e allora mi sono detta: "perché non far diventare quel gioco di bambina un lavoro?" sono andata a Milano a studiare design, a Roma in un'accademia orafa dove mi sono specializzata in oreficeria, incassatura,  cesello e sbalzo, modellazione della cera e microfusione a cera persa. Ecco perché le fusioni dei miei prototipi in cera li faccio io. -

 

Cristiana, from Sciacca you came to Milan to study design and then you went to Rome to start your profession as a goldsmith, attending the Academy. Can you tell what led you to take this job?

 

- I've always been a creative person. As a child I was fascinated by my mother's antique jewels: I watched them carefully and then dismantled them to create others I could wear. Then, when I finished high school, I realized that in my life what made me happy was expressing my creativity; So I remembered those memories of me as a child playing as a goldsmith and then I said to myself: “why not give that child game a job?” I went to Milan to study design, in a goldsmith's academy in Rome where I specialized in jewelery, setting, chisel and embossing, wax modeling and lost wax casting. That's why I make my wax prototypes. -

Equilibrio, gioiello di Cristiana Turano Campello

 

 

 

 

Alla fine, comunque, sei tornata in Sicilia e hai aperto la tua bottega, dove produci ed esponi i tuoi gioielli. Quanto c'è della tua terra nelle creazioni che realizzi?

 

- Tantissimo. Mi ispiro quasi per ogni creazione alla Sicilia, una terra di rara bellezza con il suo meraviglioso mare, i suoi colori, con  la mescolanza di stili dal barocco all'arabo normanno e mi piace rielaborare i gioielli della tradizione siciliana in chiave moderna e minimalista, accostando all'oro e all'argento materiali insoliti, patine di aglio e limone, pigmenti e tecniche innovative. -

 

In the end, however, you returned to Sicily and opened your shop, where you produce and show off your jewelry. How much of your land is present in the creations you make?

 

- A lot. I am inspired almost for every creation by Sicily, a land of rare beauty with its marvelous sea, its colors, with the mixture of styles from the Baroque to the Norman Arabic and I like to rework the jewels of the Sicilian tradition in a modern and minimalist key, combining gold and silver with unusual materials, garlic and lemon patinas, pigments and innovative techniques. -

 

 

Un altro elemento protagonista è il corallo. Come lo selezioni e, poi, lo lavori?

 

- Cerco di utilizzare il più possibile il corallo di Sciacca, lasciandolo grezzo per rispettare la sua natura. Appena ne prendo un pezzo tra le mani lo osservo, e in base alla forma, “vedo” il gioiello già finito. Il corallo può essere elemento centrale in una mia creazione oppure un piccolo particolare. Ho realizzato vari animali in argento con la pancia in corallo, ma quello che più mi piace fare è accostarlo a grandi piastre in argento che ne esaltano il colore. -

 

Another protagonist element is the coral. How do you select it and then do it work?

 

- I try to use Sciacca coral as much as possible, leaving it raw to respect its nature. As soon as I take a piece from my hands I look at it, and based on the form, I “see” the finished jewel. Coral can be a central element in my creation or in a small detail. I made various animals in silver with a coral belly, but what I like best is to combine it with large silver plates that enhance the color. -

Give me a kiss, gioiello di Cristiana Turano Campello

 

 

 

Parliamo un po' del processo: come nasce un tuo monile?

 

- Posseggo la capacità di riuscire a immaginare nella mia mente il gioiello finito, poi mi siedo e comincio ad abbozzarlo per capire come dovrò affrontare la costruzione; se direttamente in metallo o se fare prima un modello in cera che successivamente fonderò in argento o oro. -

 

Let's talk about the process: how are your jewels born?

 

- I have the ability to be able to imagine the finished jewel in my mind, so I sit and start drawing it to understand how I will have to face the construction; if directly in metal or if you first create a wax model that I will later melt in silver or gold. -

 

 

Prima del disegno, della cera e del risultato finale, quali sono le tue ispirazioni?

 

- Ogni gioiello che creo ha una forte impronta del mio bagaglio di vita. Amo viaggiare e osservare quello che mi circonda: un particolare di un lampione o di un festone  possono darmi l'ispirazione per un gioiello. Anche ciò che mi succede mi ispira a creare un gioiello: quando sono rimasta incinta della mia adorata Lara sono riuscita a esprimere ciò che avevo dentro (ansie, paure, voglia di vederla) creando due spille con le ali di farfalla. Infatti ci sono gioielli a cui sono particolarmente legata e dai quali non riesco (e non voglio)  separarmi, nati da un'idea nella mia testa  che man mano cambia e comincia sempre più a prendere forma. -

 

Before drawing, wax and the final result, what are your inspirations?

 

- Every jewel I create has a strong imprint of my life experience. I love to travel and observe what surrounds me: a detail of a lamppost or festoon can give me the inspiration for a jewel. Also what happens to me inspires me to create a jewel: when I got pregnant with my beloved Lara, I was able to express what I had inside (anxieties, fears, desire to see her) creating two brooches with butterfly wings. In fact there are jewels to which I am particularly attached and from which I cannot (and I do not want) to separate, born of an idea in my head that gradually changes and begins to take shape more and more. -

Pregnancy, gioiello di Cristiana Turano Campello

 

 

 

E i clienti, quale ruolo hanno nella creazione dei gioielli su commissione?

 

- Cerco di accontentare il più possibile i miei clienti . Chi viene da me sa che potrà avere realizzato un gioiello proprio come lo desidera. La creazione si svolge in vari step: dopo che mi viene illustrata un'idea mostro un disegno o direttamente il modello in cera, perché vedendolo e provandolo è un'altra cosa rispetto al disegno. Poi cerco di apportare degli elementi “miei" su quel modello proponendo delle piccole modifiche e, dopo l'approvazione, procedo con la realizzazione. Nei lavori su commissione dico sempre che sono lavori a “due teste (la mia e quella del cliente) e due mani (le mie)”. Sono gioielli che racchiudono l'anima di chi lo desidera e di chi lo crea, veramente unici. -

 

And the customers, what role do they have in creating commissioned jewelry?

 

- I try to satisfy my clients as much as possible. Those who come to me know that they may have created a jewel just as they want it. Creation takes place in several steps: after an idea is shown to me, I show a drawing or directly the wax model, because seeing it and trying it is something different from drawing. Then I try to create “my” elements on that model proposing small changes and, after the approval, I proceed to the realization. In commissioned work I always say that they are “two-heads works (mine and the client) and two hands (mine)”. They are jewels that enclose the soul of those who want it and those who create it, truly unique. -

 

 

Progetti per il futuro?

 

- Mi sono da poco trasferita in un negozio più centrale e più grande. Questo mi ha portato ad avere più consapevolezza sulle mie capacità e la possibilità di farmi conoscere a molte più persone. Ho in progetto di creare delle linee esclusive per alcuni negozi che mi hanno contattata. Infine sto sperimentando una nuova tecnica, perché ho bisogno di stimolare continuamente la mia creatività. -

 

Plans for the future?

 

- I recently moved to a more central and larger store. This led me to have more awareness of my abilities and the chance to let me know more people. I plan to create exclusive lines for some shops that have contacted me. Finally, I'm experimenting with a new technique, because I need to continually stimulate my creativity. -

 

cristianacreatricedigioielli.com

Share on Facebook
Share on Twitter
Share on Google +
Please reload

  • Black Icon Instagram
  • Nero Twitter Icon
  • Nero Facebook Icon

WEB DESIGN by Annamaria Maisto

Copyright © Nouvelle Factory