• Eleonora Gargantini

Marta Mezynska: cosa vedi se osservi attentamente?

Marta Mezynska

Città nude, prive dell’elemento umano, appaiono lontane dal brusio della quotidianità e dallo stress del movimento. Lo spazio è dato alla sfera interiore e del pensiero, che si fa silenzioso, sommerso, introspettivo. Elementi invisibili sembrano svolgersi fuori dal quadro, come se ciò che sta accadendo non fosse visibile allo spettatore. Le forme architettoniche, la luce e l’atmosfera vagamente spettrale sono i tratti caratterizzanti dei dipinti dell'artista polacca Marta Mezynska.

Naked cities, deprived of the human element, appear far from the buzz of everyday life and the stress of movement. The space is given to the inner and thought sphere, which becomes silent, submerged, introspective. Invisible elements seem to unfold out of the picture, as if what is happening is not visible to the viewer. The architectural forms, the light and the vaguely spectral atmosphere are the characteristic features of the polish artist Marta Mezynska's paintings.

Cosa ti ha portato ad essere l’artista e la persona che sei oggi? Parlaci del tuo percorso lavorativo e personale.

- Domanda per nulla facile. Il pensiero e il desiderio di essere un’artista sono dentro di me da sempre. Ovviamente tante situazioni di vita e le persone che mi circondano hanno avuto il loro peso in questa scelta, o magari la loro posizione mi ha dato ancora più forza di continuare e non cambiare la mia decisone di essere un’artista. Penso di aver avuto più o meno lo stesso percorso iniziale di tanti altri: il liceo artistico al quale i miei genitori non erano contenti che andassi, i primi professori che hanno visto qualcosa in me prima ancora che lo sapessi io, il loro supporto mi ha portata a passare gli esami per l’Accademia di Belle Arti di Varsavia, dove ho imparato tantissimo sulla tecnica e ho provato tante nuove materie artistiche. Dopo gli studi non era per niente facile, ogni anno mi sembrava di non vedere progressi nel mio percorso lavorativo, questo finché non sono arrivata a Milano. Qui ho conosciuto le prime persone che hanno voluto aiutarmi ad aprire le ali, diventare una pittrice come ho sempre voluto, fare quello che amo e per cui ho combattuto tutta la vita. Tutto questo ovviamente ha modellato il mio carattere, la persona che sono oggi, mi sono coperta con una corazza e solo poche persone sanno bene cosa c’è sotto. Sicuramente non sono una persona facile, come si dice ho la testa dura e sono pronta sempre a fare il 200% di quello che serve. -

What made you the artist and the person you are today? Tell us about your work and personal journey.

- Not an easy question. The thought and desire to be an artist have always been with me. Obviously many life situations and the people around me have had their importance in this choice, or maybe their position has given me even more strength to continue and not change my decision to be an artist.

I think I had more or less the same initial path as many others: the art high school to which my parents were not happy that I went, the first teachers who saw something in me before I even knew it, their support helped me to pass the exams for the Academy of Fine Arts in Warsaw, where I learned a lot about the technique and tried many new artistic subjects. After my studies it was not easy at all, every year I seemed to see no progress in my career path, this until I arrived in Milan. Here I met the first people who wanted to help me open my wings, become a painter as I always wanted to, do what I love and have fought for all my life. All this obviously has shaped my character, the person I am today, I covered myself with an armor and only a few people know what is underneath it. I'm definitely not an easy person, as they say I have a hard head and I'm always ready to give 200% of what it takes. -

Untitled, Marta Mezynska

Quali sono i tratti fondamentali delle tue opere?

- Dipingo le facciate dei palazzi, vetrine dei negozi. In una parola l’architettura è il mio tratto riconoscibile. Il mio stile è un mix di tutto quello che studiavo: precisione grafica, amore e passione per l’architettura. I colori ad olio che per me sono il massimo della pittura. Mi piace tantissimo lavorare sui dettagli piccoli, quasi una miniatura sul quadro. Facendo questo il lavoro diventa una specie di meditazione, un altro mondo nel quale mi trovi a mio agio. -

What are the fundamental features of your works?

- I paint the facades of the buildings, shop windows. In a word, architecture is my recognizable trait. My style is a mix of everything I studied: graphic precision, love and passion for architecture. The oil colors that for me are the best of painting. I really like working on small details, almost a miniature on the painting. By doing this the work becomes a kind of meditation, another world in which you find me at ease. -

​I tuoi dipinti sembrano appartenere più che mai alla situazione attuale e al “tempo sospeso” che abbiamo vissuto e alcuni stanno ancora vivendo, cosa ne pensi?

- Quando è iniziata la quarantena ho pensato la stessa cosa. Prima non immaginavo che la mia realtà artistica sarebbe potuta diventare realmente presente nella nostra vita quotidiana. È molto strano ora per me guardare le mie tele. Prima non mettevo volontariamente le persone perché mi sembravano troppo evidenti e comunque c’era sempre tanta gente in giro. Ora che ho visto la realtà dei miei quadri dal vivo penso che inizierò a mettere anche dei disegni di persone dentro le vetrine, ho iniziato a sentire la mancanza di umanità. -

Your paintings seem to belong more than ever to the current situation and the "suspended time" that we have experienced and some are still experiencing, what do you think?

- When the quarantine started I thought the same thing. Before I did not imagine that my artistic reality could become truly present in our daily life. It is very strange now for me to look at my canvases. Before, I choose not to have people in my paintings because they seemed too obvious to me and there were always a lot of people around. Now that I have seen the reality of my paintings live I think that I will also start putting drawings of people inside the windows, I started to feel the lack of humanity. -

Untitled, Marta Mezynska

​Come hai vissuto il periodo di reclusione "forzata"? Che segni sta lasciando su di te come donna e come artista?

- Devo dire che all’inizio era pesante, ma pian piano mi sono abituata alla mancanza di uscite serali e ho apprezzato di avere più tempo a disposizione per dipingere e pianificare le prossime mosse della mia vita. Sono sicuramente una persona diversa da quella che ero tre mesi fa. Ancora più di prima so che cosa voglio da me e dal mio lavoro, ho degli scopi ben precisi di dove vorrei trovarmi ancora quest’anno. -

How did you experience the "forced" prison term? What signs is it leaving on you as a woman and as an artist?

- I must say that at the beginning it was heavy, but slowly I got used to the lack of going out in the evening and I appreciated having more time available to paint and plan the next moves of my life. I'm definitely a different person than I was three months ago. Even more than before, I know what I want from me and my job, I have very specific purposes of where I would like to be again this year. -

​Da cosa ti lasci ispirare nella vista quotidiana? L’ispirazione arriva per te all’improvviso o è frutto di un processo ragionato?

- L’ispirazione per i miei quadri è un processo che parte dal pianificare un viaggio, una tappa dove so che troverò inspirazioni per i nuovi quadri, camminate senza fine per fotografare il più possibile tutto quello che mi inspira, con colori, ombre, forme e scritte. Non scelgo i miei “modelli” a caso, devono inspirarmi con il loro aspetto, spesso magari vedo una vetrina di un negozio bellissima fuori ma della quale non mi convince l’allestimento interno, in quel caso se ritengo comunque di utilizzare quella foto allora sicuramente cambio qualcosa, se invece non vedo una speranza allora abbandono. Qui si tratta di un lavoro ben preciso e deve convincermi nella sua totalità, il colore è anche molto importante, la tonalità, la calligrafia dei pannelli, ci sono un sacco di dettagli che devono convincermi, per utilizzare una tela per quel proprio oggetto architettonico. Spesso per scattare la foto aspetto che le persone si spostino, perché devo vedere benissimo il totale riflesso della strada dentro la vetrina. -

What do you let yourself be inspired by in your daily life? The inspiration comes for you suddenly or is it the result of a reasoned process?

- Inspiration for my paintings is a process that starts from planning a trip, a stage where I know that I will find inspirations for the new paintings, endless walks to photograph as much as possible everything that inspires me, with colors, shadows, shapes and writing. I do not choose my "models" randomly, they must inspire me with their appearance, often maybe I see a shop window of a beautiful shop outside but of which I am not convinced by the internal setting, in that case if I still consider using that photo then surely I change something, if instead I don't see a hope I abandon it. Here it is a very precise work and must convince me in its entirety, the color is also very important, the tone, the calligraphy of the panels, there are a lot of details that must convince me, to use a canvas for that own architectural object. Often to take the photo I wait for people to move, because I have to see very well the total reflection of the street inside the window. -

Untitled, Marta Mezynska

I tuoi dipinti suggeriscono una narrazione o uno stato d’animo? Cosa vorresti condividere con lo spettatore quando si accosta a una tua opera?

- Vorrei invitare le persone a iniziare a guardare un po’ più in sù del solito, ad alzare la testa, nessuno guarda le finestre mentre cammina, invece dentro le case, dietro le tende c’è la vita nascosta di ognuno di noi, vorrei che la persona che guarderà una delle mie opere scriva la storia di quello che vede, quasi una scenografia di un film. Più guardi e più dettagli scopri. Lo stesso con le vetrine dei negozi, passandoci accanto vediamo solo quello che il negozio vende ma non guardiamo il pacchetto totale, perché anche l’aspetto esterno è molto importante. -

Do your paintings suggest a narrative or a mood? What would you like to share with the viewer when approaching your work?

- I would like to invite people to start looking a little higher than usual, to raise their heads, nobody looks at the windows as they walk by, instead inside the houses, behind the curtains there is the hidden life of each of us, I wish the person who will look at one of my works write the story of what he sees, almost a scenography of a film. The more you look, the more details you discover. The same with the shop windows, passing by we see only what the shop sells but we do not look at the total package, because the external appearance is also very important. -

​Nelle tue opere non c’è presenza umana. Quale motivo ti spinge a non addentrarti nel privato ma a rimanere “un passo indietro”? È una forma di rispetto o l’intento è di indagare ciò che si trova “oltre la finestra”?

- Da piccola spesso uscivo di casa mia e guardavo le finestre degli altri immaginando cosa stessero facendo e che bella vita avessero o magari che come me avrebbero voluto cambiare qualcosa, questa passione di guardare, sbirciare almeno minimamente la vita dei altri mi è rimasta. Mai però rappresento in pieno quello che vedo, lascio una frase non finita perché l’osservatore dovrebbe immaginare il resto, sono una specie di stalker che non sorpassa il limite dell’intimità. -

There is no human presence in your works. What reason pushes you not to go into the private world but to stay "one step behind"? Is it a form of respect or is the intent to investigate what lies "beyond the window"?

. As a child I often went out of my house and looked at the windows of others imagining what they were doing and what a good life they had or maybe that like me they would have wanted to change something, this passion of looking, at least minimally peeking the life of others has remained. However, I never fully represent what I see, I leave an unfinished sentence because the observer should imagine the rest, I am a kind of stalker who does not pass the limit of intimacy. -

Untitled, Marta Mezynska

Chiudi gli occhi. Descrivici l’opera che vorresti dipingere in questo istante.

- Una grande tela tutta nera e solo le finestre delle case illuminate di tanti colori, con delle differenze tra di loro, il carattere degli abitanti espresso nei toni abbaglianti delle loro finestre. -

Close your eyes. Describe the work you would like to paint at this moment.

- A large all-black canvas and only the windows of the houses illuminated in many colors, with differences between them, the character of the inhabitants expressed in the dazzling tones of their windows. -

Pensi che il ruolo dell’artista sia più difficile in Italia rispetto ad altri luoghi del mondo? Quali difficoltà hai incontrato nel tuo percorso lavorativo?

- Non penso che sia più difficile, in ogni paese il percorso per un artista è lo stesso, l’inizio è sempre difficile, dopo, se lavori duramente riesci a ottenere quello che ti aspettavi, o almeno una parte. Di difficoltà ne ho incontrate tantissime (mancanza della galleria giusta per me, mancanza di essere inserita nel mondo dell’arte, mancanza alle spalle di qualcuno che ti riesca a guidare verso il lato giusto) certe volte perdevo già la speranza, ma sono riuscita a essere sempre leale a me stessa e questo è quello che mi sta salvando. Per andare avanti non serve solo lavorare duramente, dipingendo e stando in studio, serve anche essere molto presente nell’ambito del proprio lavoro, conoscere tantissime persone, essere socievole, partecipare alle inaugurazioni. È un duro lavoro che porta frutti molto lentamente, ma se sei sicuro di quello che vuoi prima o poi le soddisfazioni arrivano. -

Do you think that the role of the artist is more difficult in Italy than in other places in the world? What difficulties have you encountered in your career path?

- I don't think it's more difficult, in each country the path for an artist is the same, the beginning is always difficult, afterwards, if you work hard you can get what you expected, or at least a part. I have encountered many difficulties (lack of the right gallery for me, lack of being inserted in the world of art, lack of someone who can guide you to the right side) sometimes I almost lost hope, but I managed to always be loyal to myself and that's what has saved me.

To move forward, not only you need to work hard, painting and being in the studio, you also need to be very present in your work, to meet many people, to be sociable, to participate in the inaugurations. It is hard work that bears fruit very slowly, but if you are sure of what you want, sooner or later satisfactions will come. -

Hai progetti futuri?

- Attualmente ho l’onore di far parte degli artisti della galleria d’arte Punto sull’arte di Varese. La Galleria che mi rappresenta meglio dove finalmente so perché volevo fare la pittrice. Sto preparando le opere per la prima mostra collettiva dopo la quarantena, che sarà a giugno, a settembre mi aspetta la mia bipersonale e spero tanto che in autunno tutto ritorni veramente alla normalità. Ho ricevuto qualche proposta internazionale ma per il momento non vorrei spargere la voce, di sicuro dovrò riprendere anche i miei viaggi lavorativi arretrati. Ho così tanti progetti in testa che come sempre 24h al giorno non mi basteranno. -

Future projects?

- I currently have the honor of being part of the artists of the Punto sull’arte di Varese. The gallery that best represents me where I’ve finally found out why I wanted to be a painter. I am preparing the works for the first collective exhibition after the quarantine, which will be in June, my two-person exhibition is waiting for me in September and I hope so much that in autumn everything really returns to normal. I have received some international proposals but for the moment I would not like to spread the word, I will certainly have to resume my backward business trips. I have so many projects in mind that as always 24h a day will not be enough for me. -

martamezynska.com

  • Black Icon Instagram
  • Nero Facebook Icon
Copyright © Nouvelle Factory

Web / Graphic design by Annamaria Maisto