• Eleonora Gargantini

La relazione tra ambiente e società è il tema di questa mostra collettiva a Genova


Marco Siciliano, Costellazioni


Paradise is exactly like where you are right now only much much better” è mostra collettiva a cura di Marta Orsola Sironi e Virginia Lupo che inaugura sabato 5 marzo dalla 17 alle 21 a Palazzo Franzone Spinola di Luccoli, nel centro storico di Genova, e resterà aperta al pubblico fino al 10 aprile 2022. L’evento costituisce il punto di partenza per Genova Art To Date, progetto di mappatura della scena artistica ligure, ideato e promosso in collaborazione con Untitled Association, è completamente autoprodotto da un team di professionisti unitisi per la volontà di portare a compimento un progetto su vasta scala e vede la partecipazione di quattro gallerie: Ncontemporary (Milano), Eastcontemporary (Milano), White Noise (Roma), UNA (Piacenza).


"Heaven is exactly like where you are now only much much better" is a collective exhibition curated by Marta Orsola Sironi and Virginia Lupo which opens on Saturday 5 March from 17 to 21 at Palazzo Franzone Spinola di Luccoli, in the historic center of Genoa, and will remain open to the public until 10 April 2022.The event constitutes the starting point for Genova Art To Date, a mapping project of the Ligurian art scene, conceived and promoted in collaboration with the Untitled Association, is completely self-produced by a team of professionals who came together for the desire to complete a project on large scale and sees the participation of four galleries: Ncontemporary (Milan), Eastcontemporary (Milan), White Noise (Rome), UNA (Piacenza).


Gli artisti in mostra sono: Flavia Albu, Sveva Angeletti, Simona Barbera, Thomas Berra, Jonny Briggs, Nicole Colombo, Daniele Costa, Gaia De Megni, Matteo De Nando, Inside Job (Ula Lucińska & Michał Knychaus), Rada Koželj, Davide La Montagna, Eleonora Luccarini, Agnieszka Mastalerz, Claudia Petraroli, Fabio Ranzolin, Nuvola Ravera, Jacopo Rinaldi, Davide Sgambaro, Marco Siciliano, Elio Ticca, Jonathan Vivacqua.

La mostra nasce dalla volontà di dimostrare il valore delle ricerche artistiche e curatoriali che animano la scena contemporanea, dando loro voce e investendo su di esse, a fronte di un sistema avvertito troppo spesso come sofferente e classista. È inoltre un format: un’azione di valorizzazione attiva, tanto di un bene architettonico dimenticato come Palazzo Franzone Spinola di Luccoli, quanto del tessuto artistico e culturale della città in cui si inserisce.


The artists on show are: Flavia Albu, Sveva Angeletti, Simona Barbera, Thomas Berra, Jonny Briggs, Nicole Colombo, Daniele Costa, Gaia De Megni, Matteo De Nando, Inside Job (Ula Lucińska & Michał Knychaus), Rada Koželj, Davide La Mountain, Eleonora Luccarini, Agnieszka Mastalerz, Claudia Petraroli, Fabio Ranzolin, Nuvola Ravera, Jacopo Rinaldi, Davide Sgambaro, Marco Siciliano, Elio Ticca, Jonathan Vivacqua.

The exhibition stems from the desire to demonstrate the value of the artistic and curatorial researches that animate the contemporary scene, giving them a voice and investing in them, in the face of a system too often perceived as suffering and class. It is also a format: an action of active enhancement, both of a forgotten architectural asset such as Palazzo Franzone Spinola in Luccoli, and of the artistic and cultural fabric of the city in which it is inserted.

Matteo De Nando, Six Pack


L'evento prende spunto dalla stretta correlazione che a oggi si riscontra sempre più tra giustizia ambientale e sociale, e dalle ricerche in materia di sex ecologies e femminismo intersezionale. Propone l’applicazione di un approccio transdisciplinare,non-binario,non-eteronormativo,non-antropocentrico, non-maschiocentrico, in favore di un ripensamento della normatività umana, e della stessa pratica curatoriale. Attraverso il rifiuto di ogni categorizzazione, stereotipo o divisione, il percorso espositivo vuole abbracciare la complessità del mondo, auspicando uno spazio dedicato alla collettività e alla pluralità di voci e visioni. Le artiste e gli artisti presenti in mostra, infatti, sono accomunati dalla volontà di mettere in questione lo status quo e aprire nuovi spazi di discorso critico che suscitino una coralità di domande e chiamino il pubblico a interfacciarsi in prima persona con la complessità.


The venue takes its cue from the close correlation that today is increasingly found between environmental and social justice, and from research on sex ecologies and intersectional feminism. It proposes the application of a transdisciplinary, non-binary, non-heteronormative, non-anthropocentric, non-malecentric approach, in favor of a rethinking of human normativity, and of the curatorial practice itself. Through the rejection of any categorization, stereotype or division, the exhibition itinerary aims to embrace the complexity of the world, hoping for a space dedicated to the community and the plurality of voices and visions. The artists present in the exhibition, in fact, share the desire to question the status quo and open up new spaces for critical discourse that arouse a chorus of questions and call the public to personally interface with complexity.

Thomas Berra, Tende


Venerdì 4.3.2022 ore 11.00 conferenza stampa

Sabato 5.3.2022 ore 17.00-21.00 opening reception

Domenica 6.3.2022 ore 11.00 talk pubblico presentazione Genova Art To Date

Ogni Sabato ore 17.00-21.00 eventi collaterali

Sabato 10.04.2022 ore 17.00-21.00 finissage