• Ilaria Introzzi

Da una piccola bozza ai muri delle città: lo street artist Millo si racconta


Francesco Camillo Giorgino in arte Millo



Francesco Camillo Giorgino (Mesagne, 1979) aka Millo è uno street artist pugliese noto per i suoi dipinti realizzati sulle pareti di muri di tutto il mondo. Da Torino a Milano passando per gli States, la fredda Russia e la mediterranea Grecia, le sue opere colpiscono per la grandezza ma anche per una certa poetica la quale si cela sapientemente dietro messaggi e campiture uniche. Sui muri digitali di Nouvelle Factory si racconta, svelando cosa c’è dietro il complesso mondo della Street Art.

Francesco Camillo Giorgino (Mesagne, 1979) aka Millo is an apulian street artist known for his paintings made on the walls made, literally, every wear. From Turin to Milan passing through the States, the cold Russia and the mediterranean Greece, his works are striking for their greatness but also for a certain poetics which is cleverly hidden behind unique messages and backgrounds. On the digital walls of Nouvelle Factory he is told, revealing what lies behind the complex world of Street Art.


Bird talking, Torino, 2014, Millo, foto di Alice Massano



Francesco, hai sempre dipinto. Tuttavia è stata una carriera poco fortunata come architetto a convincerti che l'arte fosse la strada giusta da prendere. È in quel momento che sei diventato Millo, abbracciando così la Street Art?

- Sì ho sempre dipinto sin da quando ero un bambino. Ho studiato architettura e sfortunatamente mi sono laureato all'inizio della crisi economica che ha colpito non soltanto l'Italia ma l'intera Europa e sicuramente quel momento storico ha accelerato la mia propensione verso l'arte, che tuttavia non è mai stata accantonata durante gli anni. La Street Art è stato un ulteriore passaggio, anche piuttosto inaspettato. Ero solito dipingere su superfici differenti ma devo ammettere che una volta approdato alle pareti non ho più smesso. -


Francesco, you've always painted. However, it was an unfortunate career as an architect that convinced you that art was the right path to take. Is it at that moment that you became Millo, thus embracing Street Art?


- Yes I have always painted since I was a child. I studied architecture and unfortunately I graduated at the beginning of the economic crisis that affected not only Italy but the whole of Europe and certainly that historical moment accelerated my propensity towards art, which however was never set aside during years. Street Art was a further step, also quite unexpected. I used to paint on different surfaces but I have to admit that once I got to the walls I never stopped. -


Come scegli la tua tela, ovvero la facciata di una costruzione?


- Sono solito ricevere inviti a partecipare a festival dedicati alla Street Art in tutto il mondo. Non ho sempre la possibilità di scegliere le pareti migliori nelle città, ma ad occuparsi di questo sono per l'appunto gli organizzatori dei singoli eventi. Successivamente alla loro selezione, scelgo la parete in base ad alcune prerogative: la sua grandezza, la sua visibilità, la sua posizione all'interno della contesto urbano e la sua accessibilità ai mezzi che mi permetteranno di lavorarci. Non è un segreto che sono solito scegliere pareti collocate nelle arie più periferiche delle città, le preferisco, amo pensarmi come un evidenziatore e portare la mia arte in luoghi troppo spesso dimenticati. -


How do you choose your canvas, that is the facade of a building?

- I usually get invitations to attend Street Art festivals around the world. I don't always have the possibility to choose the best walls in the cities, but this is precisely the organizers of the individual events. After their selection, I choose the wall based on some prerogatives: its size, its visibility, its position within the urban context and its accessibility to the means that will allow me to work on it. It is no secret that I usually choose walls placed in the most peripheral areas of cities, I prefer them, I love to think of myself as a highlighter and take my art to places that are too often forgotten. -



Rivoluzione, St Petersburg, Russia, 2017, Millo




I soggetti che vai a dipingere invece?


- I soggetti, come l'intera composizione dei miei disegni, nascono in relazione al luogo che gli ospiterà. Prima di partire cerco sempre di informarmi sulla città che mi ospiterà e sul quartiere che mi vedrà all'opera. Per me è molto importante creare di volta in volta qualcosa che possa appartenere fino in fondo al contesto, che possa in un certo qual modo far si che le persone si riconosceranno nel mio lavoro. -


The subjects you go to paint instead?


- The subjects, like the entire composition of my drawings, are born in relation to the place that will host them. Before leaving, I always try to find out about the city that will host me and the neighborhood that will see me at work. For me it is very important to create from time to time something that can fully belong to the context, that can in a certain way ensure that people will recognize themselves in my work. -



Fai dei disegni preparatori prima di decidere chi e dove ritrarre?


- Sono solito realizzare una piccola bozza, estremamente semplificata su carta prima di approcciare alla parete. -


Do you make preparatory drawings before deciding who and where to portray?


- I usually make a small, extremely simplified draft on paper before approaching the wall. -



Blue trail, Patras, Grecia, 2019, Millo



La costante del bianco e nero, le ombre e poi un po' di colori, scelti con precisione. Questi ultimi sono frutto di una decisione istintiva oppure ognuno ha un significato?

- Ho trovato nel bianco e nero il modo più semplice per poter esprimere quello che ho dentro; i colori sono stati una successiva evoluzione e li utilizzo molto spesso per sottolineare meglio il messaggio di ogni singola opera. -


The constant of black and white, the shadows and then a few colors, chosen accurately. The latter are the result of an instinctive decision or does each have a meaning?


- I found in black and white the easiest way to express what I have inside; the colors were a subsequent evolution and I use them very often to better emphasize the message of each single work. -



In passato hai definito la Street Art come "una forma d'arte che si sta appropriando legalmente e illegalmente dei luoghi invisibili delle nostre città." Farlo legalmente non pensi vada a svilire un po' il culto e la leggenda dietro questa forma di espressione che per anni veniva condivisa esclusivamente tra le sub-culture?


- Il problema probabilmente è puramente di definizioni: non credo che la legalità possa svilire quello che si è soliti chiamare Street Art, ed io essendo legale, ad ogni modo, non potrei dirti il contrario. Tuttavia negli anni, come accennavo sopra, si sono create altre definizioni per quello che ad esempio è il mio lavoro, in questo caso la più appropriata sarebbe Muralismo. -


In the past you have defined Street Art as "an art form that is being appropriating legally and illegally the invisible places of the our cities." Doing it legally does not think it will demean the cult a bit and the legend behind this form of expression that came for years shared exclusively between sub-cultures?


- The problem maybe is purely about definitions: I don't think that legality can debase what is usually called Street Art, and being legal, in any case, I couldn't tell you otherwise. However, over the years, as I mentioned above, other definitions have been created for what my work is, for example, in this case the most appropriate would be Muralism. -


So che sei appassionato di musica. Quando crei i tuoi murales l'ascolti? E se sì, qual è il genere che preferisci?


- Sono molto appassionato di musica, amo il rap e il grunge e allo stesso tempo amo essere aggiornato su tutte le nuove uscite discografiche. Tuttavia quando sono sospeso sul cestello non potrei ascoltare musica in cuffia, ma… -

I know you are passionate about music. Do you listen to it when you create your murals? If yes, what's your favorite genre?


- I am very passionate about music, I love rap and grunge and at the same time I love being updated on all the new releases. However, when I am suspended on the work platform, I couldn’t listen to music with headphones, but… -



Qual è il lavoro a cui tieni di più e quello con cui hai capito che il mondo iniziava a riconoscerti come artista?


- Non ho un lavoro a cui tengo di più, ogni lavoro in un certo qual modo è e rappresenta fortemente una piccola parte di me. Sicuramente uno dei miei lavori più significativi è quello svolto a Torino, dove ho realizzato 13 opere murarie. Ricordo che alla fine del monumentale lavoro, ebbi un enorme riscontro mediatico. -


What is the work you care about most and the one with which you understood that the world was beginning to recognize you as an artist?


- I don't have a work that I care about more, every job in a certain way is and strongly represents a small part of me. Surely one of my most significant works is the one carried out in Turin, where I made 13 masonry works. I remember that at the end of the monumental work, I had a huge media response. -


Ultima Parada/The Last Stop, La Paz, Bolivia, 2019, Millo



Com'è stato fare Muralismo (o Street Art) durante la quarantena? Dà l'idea di essere un ossimoro.


- Lo è! Fondamentalmente ho fatto più Art che Street. Mi sono dedicato ad altri progetti ben più statici e casalinghi; ad esempio nel mese di aprile ho lanciato una campagna di raccolta fondi a favore dell'ospedale civile di Pescara: attraverso una serie di dirette le persone hanno potuto seguirmi all’opera, ma questa volta essa nasceva in casa. Alla fine della settimana e a campagna di raccolta fondi terminata, il lavoro è stato donato anch'esso all’ospedale. -


What was it like doing Muralism (or Street Art) during the quarantine? It gives the idea of ​​being an oxymoron.


- It is! Basically I did more Art than Street. I have dedicated myself to other projects that are much more static and household; for example, in April I launched a fundraising campaign in favor of the Pescara civil hospital: through a series of live shows, people were able to follow me at work, but this time it was born at home. At the end of the week and after the fundraising campaign ended, the work was also donated to the hospital. -



Perché fare Street Art e non lavorare, semplicemente, in uno studio?


- Le due cose non si escludono: fare Street Art è al momento la forma migliore che conosco per esprimermi, è qualcosa che mi soddisfa e mi rende felice completamente. Il lavoro in studio tuttavia resta parte fondamentale della mia quotidianità e non so dire se un giorno questi due aspetti si capovolgeranno. -


Why do Street Art and not simply work in a studio?


- The two things are not mutually exclusive: doing Street Art is currently the best way I know to express myself, it is something that satisfies me and makes me completely happy. However, the work in the studio remains a fundamental part of my daily life and I don't know if one day these two aspects will overturn. -


Prossimi lavori?


- Purtroppo con l'arrivo della stagione invernale e la pandemia, i lavori in esterno al momento sono fermi, mi sto dedicando alla produzione di una serie inedita di lavori su tela, che confluiranno nella mia prossima mostra personale a maggio 2021 al Los Angeles. -

Upcoming projects?


- Unfortunately with the arrival of the winter season and the pandemic, the outdoor works are at a standstill, I am dedicating myself to the production of an unpublished series of works on canvas, which will converge in my next solo exhibition in May 2021 in Los Angeles. -


millo.biz